16 feb 2015

Thailandia: Chiang Rai, Chiang Mai e Bangkok

Se mi seguite già da un po' qui sul blog, sapete che non sono esattamente regolare con i post. É un periodo di impegni e di cambiamenti, non riesco a essere sempre costante qui, ma ho talmente tante cose da raccontarvi che non so veramente da dove iniziare. Partiamo con ordine: il viaggio pre-laurea in Thailandia. Penso che in questi casi le immagini riescano a trasmettere molto più di mille parole, quindi ecco una sfilza di foto della mia settimana thailandese.

Prima tappa: Chiang Rai, nord Thailandia. Una città stupenda, piena di vita, non troppo grande e non troppo brulicante di turisti come altre località thailandesi. Tra i tanti templi, noi abbiamo visto il Wat Phra Singh e il Wat Phra Kaew. Ci siamo immersi nelle viette del mercato notturno e lasciati trasportare tra i colori del mercato dei fiori. La Clock Tower illuminata all'imbrunire è da togliere il fiato.


Seconda tappa: Chiang Mai. Una delle città più visitate della Thailandia, dista circa 3 ore di autobus da Chiang Rai. Anche qui abbiamo visitato diversi templi, tra i tanti cito il bellissimo Wat Chedi Luang. Una mattina, a qualche chilometro dalla città, immersi nella giungla thailandese, ci siamo lanciati da un albero all'altro in stile Tarzan. Non credo di aver mai urlato tanto in vita mia, avevo le gambe tremolanti e le mani sudate per via dell'altezza, ma è stato divertentissimo e lo rifarei altre mille volte!


Terza ed ultima tappa: Bangkok, la capitale. Ci siamo persi un minuto dopo aver messo piede fuori dall'hotel. Da un lato è stato meglio così, perché siamo finiti in stradine e posti "nascosti" che mai avremmo scoperto con la cartina sempre alla mano. Bangkok è caotica, esplode di vita. Ti avvolge con i profumi esotici delle bancarelle ai lati delle strade, i sorrisi dei mercanti pronti a vendere cibo o piccoli soprammobili fatti a Buddha o meravigliose saponette intagliate a forma di fiore. E poi frutta di tutti i tipi: mango, papaya, cocco e ananas a 30 baht (meno di un euro), già tagliati a pezzetti e pronti da gustare mentre si passeggia. Il Palazzo Reale è impossibile da immortalare in tutta la sua bellezza, così come il gigantesco Buddha disteso che ho fatto fatica a fotografare per intero.


Nonostante sia riuscita a vedere veramente poco, mi sono resa conto fin da subito che la Thailandia è semplicemente una terra meravigliosa. Non potevo ricevere regalo migliore per la mia laurea. Ora mi sono ripromessa di stampare almeno una ventina di tutte le foto scattate (penso siano più di 300 in totale) e fare una sorta di scrapbook. Se viene fuori un album carino, magari più avanti ve lo mostro. Nel frattempo, ecco il video della nostra settimana thailandese: 


Buona visione! 

Nessun commento:

Posta un commento